Retinografia digitale

La retinografia o fotografia retinica digitale è la documentazione fotografica del fondo oculare. Il fondo oculare è la parte interna della porzione posteriore dell’occhio. Si tratta di un esame non invasivo e indolore che permette di ottenere delle immagini che possono essere conservate per successivi confronti. La fotografia del fondo oculare, infatti, documenta la condizione dell’occhio in un determinato momento e fornisce all’oculista la possibilità di monitorare la progressione di eventuali alterazioni durante i successivi controlli. Con questo esame possono essere studiate diverse condizioni come la retinopatia diabetica, la degenerazione maculare legata all’età, i nevi della coroide, i fori maculari, le rotture e i distacchi retinici e molte altre patologie retiniche.

L’esame si esegue mediante una “fundus camera”, un particolare tipo di microscopio connesso a una fotocamera digitale che è in grado di mettere a fuoco le strutture del fondo oculare. L’immagine rappresentata in una fotografia del fondo oculare comprende tipicamente la testa del nervo ottico (struttura che trasmette l’informazione visiva dalla retina al cervello), la macula (porzione retinica centrale deputata alla visione nitida dei dettagli), il polo posteriore (porzione centrale del fondo oculare) e i vasi retinici.

I moderni retinografi digitali hanno una panoramica più ampia che permette di analizzare nel dettaglio anche parte della periferia retinica. Inoltre i nuovi retinografi a luce bianca con tecnologia confocale permettono di ottenere delle immagini di elevata qualità anche in presenza di cataratta o di opacità del corpo vitreo. Le immagini ottenute hanno dei colori reali. L’esame, diversamente dagli strumenti tradizionali, può essere fatto anche senza dilatare la pupilla.